Meditazione Naturale: essere attivi con la mente aperta

La Meditazione Naturale si contrappone a quelle più conosciute perché molto dinamica

Parlando di Meditazione Naturale si deve prendere in considerazione l’uomo ma inserito nel contesto in cui vive. Non si parla di ascetismo o di trovare la forza solo dentro sé stessi ma cercare di stabilire una connessione con il creato. L’uomo è molto importante in positivo ed in negativo i suoi due lati giorno dopo giorno combattono per cercare di avere il sopravvento e così facendo riescono a determinare le scelte che ogni giorno facciamo.

Il male ed il bene: esistono perché entrambi esistono

Non si può immaginare l’esistenza del bene rapportato al male e viceversa il male rapportato al bene. Un equilibrio precario che influenza completamente la nostra vita. I due elementi non sono altro che misura l’uno dell’altro. Noi non potremmo pensare che il rubare è un male se non sapessimo che il bene è non farlo e così via. E’ inoltre importante tenere presente che la vita non potrebbe esistere se non ci fosse il giusto equilibrio tra le due forze poiché il troppo bene è dannoso quanto il troppo male. Questa è la base della Meditazione Naturale ma ne parleremo in seguito per essere più chiari.

La Meditazione Naturale: sentire la voce di sé stessi tramite la natura

Vi sono vari elementi molto utili per farci crescere giorno dopo giorno partendo dalla resilienza, che comunque non dovrebbe mai mancare. Noi siamo la Natura, quantomeno parte di essa, quindi è importante stabilire una connessione. La terra, gli alberi e gli altri animali hanno la loro energia ma spesso non siamo disposti a sentirla. Le escursioni sono il nostro allenamento durante le quali ci libereremo dai pensieri quotidiani. Quindi cerca di carpire la forza vitale delle creature che vi abitano cercando di aiutarsi con i suoi suoni. La postura non è importante anche se è bene fermarsi ogni mezz’ora e rimanere con gli occhi chiusi per una decina di minuti. Svuota secchio riempi secchio creando una nuova persona simile a quella che eravamo prima di cominciare la meditazione ma molto differente. La forza della Natura è rigenerativa ed è enorme potrete capire voi stessi e finalmente chiudere ferite che ancora sanguinano.

Cura del Gatto: la guida completa

Quando si parla di cura del gatto ci si riferisce ad una serie di importanti operazioni

La cura del gatto sottende una serie di operazioni atte a rendere la vita del nostro amico felino molto più vivibile e felice. E’ necessario tenere presente che un gatto per essere davvero felice non deve solo mangiare bene ma anche essere stimolato in modo da mantenere il suo animo vitale. In questa guida andremo a spiegare alcuni elementi che non possono proprio mancare quando si decide di curare questo animale.

Quali sono i passi necessari che non dovrebbero mai mancare per una cura del gatto corretta? In effetti non ce ne sono molti ma sono tutti estremamente importanti, vediamoli:

  • Fatelo uscire: il gatto è un animale semi addomesticato quindi ha bisogno di sfogare il proprio istinto non dentro casa ma fuori andando a cacciare ed esplorando il mondo intorno;
  • Fatelo giocare: intrattenerlo con giochi fatti a posta per loro sicuramente è una valida alternativa all’uscita, anche poche ore al giorno renderanno il vostro felino molto più attivo e vivace;
  • Creare un ambiente ad hoc: la gattificazione è sicuramente un valido esempio di come la nostra abitazione può diventare un ottimo ambiente per il nostro animale domestico andando a parlare addirittura di architettura felina;
  • Cibo preparato in casa o crocchette? In questo caso è importante notare come nel primo caso si debbano tenere presente una serie di informazioni alimentari che non creino problemi all’organismo del micio e che riescano a comprendere tutte le necessità  alimentari. Le crocchette, se di marche buone, riescono a comprendere non solo tutti i principi alimentari ma sono importanti anche per la pulizia dei denti.

La cura del gatto comprende molti elementi ma è importante ricordare che il modo migliore per farlo vivere felice è donandogli tutto il vostro amore.

Erbe spontanee: sono buone e fanno bene alla salute

Le erbe spontanee si inquadrano molto bene in questo webzine che vuole essere alternativo, libero e naturista quasi hippie

Le erbe spontanee sono molto comuni nei nostri giardini e nelle campagne e possono essere un valido alimento se ci si trova nel mezzo ad una scampagnata meditativa. La meditazione che proponiamo noi di Peach Pit non è quella di tipo orientale ma vivere al contatto con la natura. L’ambiente ci offre tutti gli elementi per depurare la nostra mente e prepararci a ricominciare a vivere la nostra vita. Parleremo in seguito in modo più approfondito della natumeditazione.

Quali sono le erbe spontanee che dalle nostre campagne possiamo cogliere per nutrirci? In questa guida ne proporremo tre in particolare, vediamo quali sono:

L’Ortica

Nonostante siano necessarie particolari cure nel coglierle per non avere urticazioni, queste piante hanno il medesimo gusto degli spinaci e sono diuretiche e depurative. Non possono essere mangiate crude ma è possibile farci una buona minestra in pochi minuti.

Borragine

Questa pianta può essere adoperata in moltissimi modi e tutta la pianta. Sia cucinata sia cruda. Possono essere fatte delle ottime insalate anche con i fiori che danno sapore e colore. Anche in questo caso si parla di una pianta decisamente depurativa.

Tarassaco

Pianta molto comune in Italia, il tarassaco non è solo molto buono da mangiare, crudo o cotto, è una pianta ricca di ferro e con ottime proprietà depurative.

Queste sono tre delle erbe spontanee presenti in Italia che possono offrire dei pasti leggeri, nutrienti e depurativi. Naturalmente bisogna fare attenzione a non prendere erbe simili a queste ma velenose. In seguito faremo altre guide di questo tipo in modo da potervi offrire un valido strumento per vivere in modo adeguato e a contatto con la natura.

Resilienza: la migliore strada per la crescita personale

La resilienza è un elemento importante per migliorare giorno dopo giorno

La resilienza è una caratteristica molto importante perché più di altre riesce a migliorare la nostra vita in maniera sostanziale portandoci a migliorare. Si deve tenere presente che la crescita è un momento estremamente importante ed è un processo lungo che si fa giorno dopo giono. Ma cosa succede quando ci si erge contro un muro? Purtroppo la vita è piena di difficoltà e di inprevisti e queste possono essere più o meno pesanti. Cosa quindi possiamo fare in questa occasione?

Non c’è molto da fare, la resilienza è l’unica carta che possiamo adoperare in modo da poter riuscire a superare qualsiasi problema riuscendo a superare qualsiasi problema. La resistenza alle avversità è un problema abbastanza importante e la crescita personale si pone proprio questo obiettivo. Il primo obiettivo per migliorare e diventare una persona migliore è quello di riuscire a superare qualsiasi ostacolo proveniente sia dall’interno sia dall’esterno. Ma come si può sviluppare il più possibile la propria resilienza? Per riuscire a migliorare la propria resistenza è necessario esercitarsi con la propria intelligenza emotiva e la propria consapevolezza che si ha di sé in modo da poter migliorare molto di sé e poter ottenere il massimo dalla propria vita.

La resilienza ciò che ci rende forti e ci permette di migliorare la propria vita superando tutti i problemi della vita poiché sebbene vi siano dei problemi questi possono essere sicuramente superati se non si vuole rischiare di non riuscire a superare gli ostacoli.

Tre personaggi Marvel di cui non conoscete molto

Quali sono i personaggi Marvel più bizzarri del mondo?

Vi sono alcuni personaggi Marvel molto interessanti ed altri che hanno avuto una storia molto particolare perché vi sono una serie di caratteri che sebbene interessanti non sono riusciti ad ottenere il successo che forse meritavano. Si va a parlare di personaggi di secondo piano che comunque possono essere considerati molto importanti per moltissime storie.

Vediamo quindi quali sono i personaggi Marvel più interessanti tra quelli che hanno avuto una breve storia:

Agente Zero

Agente Zero, al secolo Cristoph Nord, era una nell’ex Germania Est, combattè contro il regime comunista di quella nazione. Questo agente, facente parte della Cell Six, combattè contro moltissimi nemici tra i quali il fratello, Andreas, che fu costretto ad uccidere. Dopo una serie di combattimenti, Nord fu ricoverato in un ospedale della Germania occidentale dove incontrò l’infermiera Ginetta Barsalini della quale s’innamorò. L’infermiera rimase incinta di Nord ma avendo saputo che la donna era a sua volta una spia fu costretto ad ucciderla. Il grande dolore portò Nord ad entrare nel programma della CIA, Weapon X.

Aquarian

Può essere considerato una sorta di personaggio beat con la sua folta chioma e la barba. Wundarr, in arte Aquarian, nacque nel pianeta Dakkam ed uno dei suoi tratti principali era una spiccata forma umanoide. Il suo destino fu segnato da un errore di suo padre che, sbagliando, predisse la fine del suo pianeta e lanciato con un razzo nello spazio. Durante il viaggio fu attirato dalla gravità terrestre non prima di esser bombardato dai raggi cosmici che gli dettero dei super poteri.

Big Bertha

Quella di Big Bertha è una storia abbastanza strana perché non si conosce molto della sua vita tranne il suo vero nome, Ashaley Crawford. La suca carriera da super eroina invece inizia dopo aver risposto ad un volantino di Mr. Immortal intenzionato a creare una squadra di super eroi. Lei si innamora di Deadpool ma la storia non finisce bene anche per i problemi al volto dell’eroe mascherato. Nonostante aiuterà spesso gli Avengers lei farà parte dei Great Lakes Avengers.

Il diario dei sogni: cos’è e come farlo

Il diario dei sogni è un ottimo strumento per rendere più bella la vita

Cos’è il diario dei sogni? I desideri e le aspirazioni sono cose che possono perdersi negli anni quindi c’è la necessità di creare un qualcosa che possa ricordarci sempre cosa realmente vogliamo. Segnare i nostri sogni in un quaderno o su un foglio di carta è una buona norma per arrivare a creare una vita migliore. Un diario di questo tipo serve proprio per ricordare cosa siamo o cosa eravamo in modo tale da poter correggere la nostra strada alla prima svolta utile.

Se non sai cos’è un diario dei sogni allora stai due minuti qui e leggi come farlo, fidati non te ne pentirai. In primo luogo bisogna mettere insieme i propri sogni ovvero ciò che si vuole fare nel tempo che ci è dato di vivere. Naturalmente non partire dagli ultimi che ti vengono in mente ma cerca di fare una sorta di excursus in modo tale da non perdere proprio nulla della propria vita. Bisogna ricordare che non è mai troppo tardi per cambiare la propria vita quindi è sbagliato pensare che il dado sia tratto e non sia più possibile cambiare la propria vita.

Il diario dei sogni come modo per comprendere la propria crescita personale e mentale. Mediante questo strumento è possibile comprendere il cambiamento che si è compiuto nella vita. E’ necessario tenere presente che dovrai ricordare dove e quanto dormivi e cosa facevi per realizzarlo. Naturalmente sarà una bella prova menmotica ma alla fine non solo avrai un chiaro andamento della tua vita e, qualora sia necessario, riuscire a porre rimedio.

Meditazione, Alimentazione ed Esercizio: i pilastri della salute

Meditazione, alimentazione ed esercizio: tre pilastri della salute

Per vivere bene, sotto tutti i punti di vista, la Meditazione è uno dei pilastri della vita sana perché riesce a creare una perfetta sintonia tra la mente ed il corpo che non deve mai essere spezzato. L’Alimentazione non è solo un carburante ma rappresenta anche il modo di rendere la nostra mente appagata e l’Esercizio che aiuta il nostro corpo a mantenere la sua completa funzionalità ma rende la mente più rilassata. Il metodo MAE rappresenta quindi un ottima soluzione per cominciare a vivere realmente bene.

La Meditazione riesce ad avere un effetto benefico sulla psiche di una persona riuscendo a migliorare la propria salute, vediamo nello specifico alcuni di questi:

  • rafforza il sistema immunitario;
  • rilassare il sistema nervoso;
  • aiuta ad avere consapevolezza di sé stessi;
  • aumentare la produttività;
  • migliorare la personalità.

L’Alimentazione è l’altro elemento che aiuta a migliorare la nostra vita perché non è solo un modo per mantenerci in ottima salute grazie ai suoi importanti elementi necessari per vivere meglio, esempi molto importanti sono le vitamine, vedi per esempio la vitamina F ed i microelementi come lo zinco. E’ inoltre importante tenere presente che la cucina aiuta a migliorare la propria salute ma anche la propria anima. Una cucina ben fatta riesce a cambiare e migliorare l’umore. Tutto è collegato alla mente ed essa deve essere nutrita.

Sentirsi bene significa essere in forma e l’esrcizio fisico riesce non solo ad essere molto importante per la propria salute ma riesce ad essere anche molto importante come una sorta di meditazione. Ciò significa che l’esercizio è in grado di rendere la nostra vita molto più produttiva e sana.

Smartfonini: tre esempi molto interessanti

Quali sono gli smartfonini che attualmente possono essere considerati più attraenti?

Gli smartfonini stanno ottenendo un grande successo di mercato per varie ragioni. In primo luogo si deve tenere presente che questi dispositivi sono molto comodi, piccoli e poco pesanti, poi grazie alle specifiche tecniche e un sistema operativo molto interessante permette di ottenere interessanti specifiche tecniche. Si va quindi a parlare di prodotti che possono far girare senza problemi app di messaggistica istantanea come Facebook e WhatsApp. Inoltre il loro costo è abbastanza moderato.

Vediamo qualche modello di smartfonini che possono essere considerati interessanti:

  • Nokia 2720 flip: il telefono è dotato di uno schermo da 2.8 pollici con una risoluzione da 280 x 280 pixel. Il processore è un Qualcomm Snapdragon 205 supportato da 512 MB e 4 GB di memoria di archiviazione. Sono presenti le connessioni WiFi e 4G LTE;
  • Nokia 800 Tough: non è solo bello ma è anche corazzato, un binomio che sicuramente non può dispiacere. Vi sono le seguenti certificazioni: MIL-STD-810G e IP68. Lo schermo è da 2.4 pollici con una risoluzione da 240 x 320 pixel. Le specifiche sono uguali al flip con lo Snapdragon 205 e 512 MB di RAM e 4 GB di memoria di archiviazione.
  • CAT B35: anche in questo ci troviamo di fronte ad uno smartfonino corazzato. Si va a parlare di un telefono identico al precedente, tranne per l’aspetto esteriore. Le certificazioni sono IP68 e MIL-STD-810G con uno schermo da 2.4 pollici ed un processore Snapdragon 205 con 512 MB di RAM e 4 GB di memoria di archiviazione.

Per concludere è necessario ricordare che tutti questi smartfonini sono dotati del nuovo e potente sistema operativo Kai OS che offre la possibilità di ottenere prestazioni di un certo livello. Tra le altre cose si deve tenere presente che è possibile scaricare nello store ufficiale molte altre applicazioni. Più in là parleremo di questo sistema operativo in modo più approfondito.